Arriva il freddo, come vestirsi?

Con l’arrivo dell’autunno-inverno e l’abbassamento delle temperature è importante saper scegliere il giusto abbigliamento da usare durante i nostri allenamenti.
Partendo dal presupposto che per molti l’abbigliamento ideale è soggettivo, possiamo comunque dare alcune indicazioni di massima:

TESTA
Per chi ha la fortuna di avere i capelli sarà sufficiente (ma importante) una fascia per proteggere le zone scoperte, fronte e orecchie. Per i calvi, meglio utilizzare un berretto per coprire la testa. Il berretto deve comunque essere leggero, e in un materiale traspirante in modo da non inzupparsi di sudore.
COLLO
In caso di freddo intenso, molto utile l’uso di uno scaldacollo da mettere davanti alla bocca per evitare di respirare aria troppo fredda che potrebbe creare diversi problemi

PARTE SUPERIORE
Il capo di abbigliamento più importante per correre al riparo dal freddo ma con la giusta traspirabilità è sicuramente la maglia termica, ne potrete trovare in tutti i negozi sportivi e di tutti i prezzi, ce ne sono che abbinano grande leggerezza al calore garantendovi un grande confort.
Quando il freddo non è ancora troppo intenso si può optare anche per una maglia termica a mezze maniche abbinata magari a dei manicotti che si possono poi togliere una volta che ci siamo scaldati.
Sopra la maglia termica (che deve essere attillata) si possono usare diversi indumenti a seconda della temperatura e delle abitudini:
Quando il freddo non è ancora intenso o in gara la t-shirt o la canottiera tecnica sopra la maglia termica è la soluzione ideale, se c’è molto vento meglio optare per un antivento che può essere sia smanicato che con le maniche. In caso di freddo intenso sopra la maglia termica si può mettere una maglia tecnica invernale, leggermente felpata e in grado di garantire il massimo calore e la giusta traspirabilità.

GAMBE
C’è chi non soffre troppo il freddo alle gambe e continua a correre in pantaloncini sgambati anche in inverno, noi consigliamo invece, quando al temperatura scende, di utilizzare un pantaloncino attillato che può essere di varie lunghezze: ciclista (sopa il ginocchio), pinocchietto (a metà polpaccio) fuseaux (fino alla caviglia).
La scelta è molto soggettiva, la cosa importante, sopratutto se avete le ginocchia delicate è quella di optare per una soluzione che le tenga coperte quando il freddo aumenta.
Questi pantaloni attillati esistono in vari materiali, dai più leggeri a quelli più pesanti,; a grandi linee, in allenamento, quelli leggeri vanno bene fino ad una temperatura di 10°C, mentre quando si scende sotto i 10°C meglio optare per quelli un po’ più pesanti.

MANI
Importante quando la temperatura scende, è anche proteggere bene le mani. Sopratutto all’inizio dell’allenamento infatti, le nostre mani soffrono davvero tanto il freddo ed è importante usare dei guanti in grado di proteggerle al meglio. Anche qui esistono varie tipologie di guanti tecnici di qualità e costi differenti, l’importante è procurarseli.

PIEDI
Quando la temperatura scende sotto i 10°C sarà importante anche procurarsi delle calze in grado di tenere al caldo i vostri piedi. Attenzione però perchè queste non devono essere troppo spesse o con fastidiose cuciture. Prendete quindi calze invernali appositamente studiate per il running se non volete tribolare…

COSA EVITARE
Evitate capi di abbigliamento non traspiranti, abbigliamento largo che limiti i vostri movimenti, in tessuti che si inzuppino di sudore facendovi correre bagnati.
In caso di pioggia, non vestitevi troppo, più siete vestiti più vi bagnate, procuratevi un buon antipioggia in caso di corse prolungate.

CONSIGLI
Ricordatevi sempre tre fattori fondamentali nello scegliere il vostro abbigliamento invernale: CALORE, LEGGEREZZA, TRASPIRABILITÀ
Non fatevi spaventare troppo dal freddo, passato lo shock di abbandonare il caldo della casa o dell’ufficio e superati i primi 10-15′ di adattamento vi accorgerete che con il freddo si corre decisamente meglio che con il caldo e avrete bellissime sensazioni.
La cosa davvero importante per non ammalarsi è, una volta finito l’allenamento, non restare con i vestiti bagnati addosso ma cambiarsi immediatamente, ricordatevi sempre di portare con voi un cambio asciutto e ancor prima di effettuare lo stretching cambiatevi!
Attenzione perchè molte volte dopo i primi 10-15 minuti di attività si può correre il rischio di avere troppo caldo.
Una buona opzione se se ne ha la possibilità, è quella di effettuare il riscaldamento di 15′ ben vestiti e poi una volta ben scaldati togliere uno strato ed effettuare la parte centrale dell’allenamento più leggeri.
Attenzione alla pioggia, se è abbinata a vento o freddo intenso valutate bene se è il caso di uscire a correre o se è meglio desistere e aspettare che il tempo migliori…
In gara si tende sempre a vestirsi meno rispetto che in allenamento perchè i ritmi sono più elevati e l’intensità dello sforzo più continuativa.



it Italiano
X